DKNY Jeans si riorganizza

Donna Karan International (gruppo LVMH) recupererà al suo interno il prossimo 3 gennaio, vale a dire con un anno d'anticipo rispetto al termine previsto inizialmente, le licenze USA, canadese e messicana di DKNY Jeans e DKNY Active. Una decisione presa in accordo con il gruppo Liz Claiborne Inc., detentore delle due licenze dal 1997, il quale, per ridurre i propri debiti, sta cedendo alcuni dei suoi marchi.

DKNY
Immagine dal sito di DKNY Jeans

Un rientro all'interno dell'azienda che interviene precocemente e che permette a Donna Karan International (DKI) di rivedere l'intera organizzazione della sua divisione jeans, considerata come il principale volano di crescita del gruppo. "Tutti gli uomini e le donne indossano dei jeans, e quindi noi vediamo il denim come fondamentale per la nostra strategia e la nostra visione. Il jeans ci offre la possibilità di creare connessioni e legami con una vasta gamma di consumatori attraverso un'ampia rete di distribuzione, diffusa anche nei grandi magazzini", puntualizza Mark Weber, PDG di LVMH negli Stati Uniti e del gruppo Donna Karan International.

Per strutturare questa divisione, DKI ha nominato Christa Michalaros presidente di DKNY Jeans. Un incarico che l'attuale presidente di Perry Ellis International Womenswear (che ha iniziato la sua carriera in Liz Claiborne ed è anche stata alla guida di Tommy Hilfiger Womenswear) acquisirà a partire dal 7 novembre prossimo.

A partire dalla stagione primavera-estate 2012, le licenze DKNY Jeans e DKNY Active saranno gestite dal gruppo Donna Karan International, come le linee Donna Karan New York e DKNY. Il gruppo peraltro continua a sviluppare su licenza dei prodotti di bellezza, della lingerie, degli orologi, una linea per bambini e degli occhiali.

Sarah Ahssen (Versione italiana di Gianluca Bolelli)

Copyright © 2014 FashionMag.com Tutti i diritti riservati.