Fismo: per 90% imprenditori grandi centri no apertura domenica

Un 'no' deciso alle aperture domenicali arriva dagli imprenditori del settore abbigliamento. Per il 90% degli esercenti dei grandi centri le aperture domenicali fanno crescere i costi ma non le vendite. Sono alcuni dei dati che emergono dall'indagine condotta dalla Fismo-Confesercenti tra le imprese della moda, che saranno presentati oggi nel corso di una conferenza.


Foto Adnkronos

Il settore dell'abbigliamento continua a vivere in uno stato di crisi dopo il 2011, annus horribilis per 3 esercenti su 4. I saldi di gennaio - emerge dall'analisi di Fismo - non sono riusciti a migliorare la situazione che resta critica per il 66% dei negozi delle grandi città ed il 71% su scala nazionale. E le previsioni per il 2012 non sono rosee: solo il 3% ipotizza un miglioramento. Le imprese "rivedono le strategie e mettono in campo tutti i sistemi per contrastare la riduzione del potere d'acquisto delle famiglie ed il conseguente calo dei consumi. Ma continuano a non farcela". Così bocciano le liberalizzazioni ed al presidente del Consiglio Mario Monti chiedono soprattutto, fra gli interventi possibili, "meno fisco (il 34% vorrebbe ridurre l'Iva e l'82% allargare le agevolazioni fiscali) minor costo del lavoro, sostegno alle famiglie e credito più agevole".

Fonte: APCOM