Pechino vieta gli spot di beni di lusso su radio e tv

Le autorità cinesi hanno vietato a radio e televisioni di trasmettere spot pubblicitari che incoraggiano regali di lusso. Stando a una circolare emessa dall'amministrazione statale per radio, film e tv, e riportata il 7 febbraio dal "China Daily", "alcuni spot invitano le persone a donare orologi di lusso, francobolli rari e monete d'oro, pubblicizzando così valori sbagliati e creando cattive condotte sociali".

Foto: Corbis

L'iniziativa rientra nella campagna lanciata dal governo per contrastare la corruzione. Il nuovo leader cinese, Xi Jinping, ha più volte sottolineato la necessità di contrastare la corruzione, vietando cerimonie fastose alle feste di partito e alle parate militari. Il quotidiano "China Daily" ricorda che il 4 dicembre scorso i leader cinesi hanno definito le linee guida a cui dovranno attenersi i funzionari di governo per uno stile di vita frugale e di basso profilo.

Il bando sugli spot di beni di lusso è stato emesso in concomitanza con il nuovo piano del governo per ridurre il crescente divario tra ricchi e poveri e scongiurare così rivolte che possano minare la stabilità politica del Paese.